E mo che famo?

E mo che famo?

2 Novembre 2020 4 di Caterina

Perdonami se ora passo in rima,
ma tante vorte t’ho sentito legge.
Roma nun è più quella de prima:
oggi er Colosseo è in mille schegge

e i colli, si li conto, mo so’ sei;
c’è er nero sur drappo giallorosso
perché tu, orgojo dei quartieri miei,
c’hai detto “d’andà avanti più non posso”.

Sto corpo de teatro ce regali?
Ce toji de Mandrake er soriso,
ce lasci a contà i troppi mali
de st’anno maledetto che t’ha ucciso.

‘Na lezione de teatro, er Cavaliere Nero,
Shakespeare, Petrolini, ‘na freddura,
convidevi co sta gente tua l’amore vero
pure pe Totti e Falcao, gioia pura.

Co mi fratello t’andavamo dietro
a urlà canzoni d’Armando Trovajoli…
E niente, mo piagne pure San Pietro.
Nun ce vojo crede che ce lasci soli.



Caterina