Le radici della felicità

E’ Natale.

Ricevo una bella email d’auguri da un ex collega. A 43 anni ha fatto la valigia e mollato l’Italia e un tempo indeterminato da 20 anni. In due anni ha già cambiato due Paese europei, continua a scrivermi, forse per tenersi una porta aperta qui, ma mostra entusiasmo e una sete di vita come non gli ho mai visto addosso.

Non entro nelle polemiche di Poletti, non parlo di Giulio, Valeria e ora Fabrizia.

Ma non so perché a me sentirlo così felice, e pensare che non a 20 anni, ma a 43 – che no, non è proprio la stessa cosa! – abbia fatto questa scelta, beh, mi ha riempito il cuore del suo stesso entusiasmo, di una voglia “di fare cose”, di imparare ancora.
E m’è venuto spontaneo esprimergli la mia stima.
Ha scelto il suo modo di essere felice. Altrove.

Per quanto mi riguarda, la felicità non subisce radici.
Al massimo se le crea.

Caterina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *